Danubio, diari della bicicletta. Tappa due: Baja-Osijek. Cicogne e batraci

Si continua a pedalare lungo il Danubio (Budapest-Belgrado). Qui le tappe precedenti: (introzero, uno). Oggi si passa il primo confine.

Cicogne e batraci

Baja-Osijek. 123 km. Prima sul lato sinistro, poi sul lato destro del Danubio (a Mohacs si attraversa con un piccolo traghetto. 190 fiorini a persona + 175 a bicicletta). Argine sterrato e strade secondarie. Leggere salite dopo il confine croato. Sull’ultimo tratto prima dell’arrivo a Osijek (parco naturale Kopacˇki) attraversamento di cicogne, cavalli, cinghiali, pecore e rane sulla ciclabile. Forature: nessuna. Pranzo: Hemingway cafè, Mohacs. Cena: Kod Ruzˇe, Osijek. Pernottamento: Hostel Tufna, Osijek.

«I trebbiatori dell’Impero sovietico hanno le spalle madide di sudore», declama Alberto al risveglio. Un breve saggio di poesia epica che rinfaccia ai coinquilini le ronfate notturne. Le bici sono a posto e si può ripartire, l’obiettivo è ricongiugersi con Glauco, Elisa e Francesca, preoccupatissimi per il ritardo sulla tabella di marcia.

Per calmare il ping-pong di sms si fa un giro pro forma fino alla stazione ferroviaria. Non c’è nessun treno che faccia al caso del gruppo, e comunque non c’era nessuna voglia di prenderlo. Il terzetto esce dai portici della stazione cantando Kiss, di Prince: “non devi essere ricca per essere la mia ragazza… (You don’t have to be rich to be my girl…)”. Il treno lo si fa con le bici. Gigi spiega come andare a ruota e darsi il cambio, e per alcuni effervescenti minuti i tachimetri superano i 30 all’ora, fatto più che raro in tutto il viaggio, a parte le sporadiche discese. Il vento taglia la faccia del primo della fila «Coraggio y espero», incita Alain. Quando dal marsupio escono le barrette ai cereali, il belga commenta «Bonne idée» e Alberto approfitta per insegnargli un po’ di dialetto: «Bendessa» (Dio ti benedica). Quando Alain sta per ricambiare con una lezione di fiammingo, tre cicogne si posano sulla ciclabile tacitando tutti.

A Mohacs si attraversa per la prima volta il Danubio con un piccolo traghetto. Gigi fotografa i viaggiatori. Alberto si perde a guardare i chilometri di fiume lasciato alle spalle, Alain regge la propria bicicletta con fierezza tra due file di automobili. Pochi chilometri e il confine croato. Le informazioni su dove mangiare sono il pretesto per attaccare bottone alle belle signore del posto, nessuna abbocca ma i tre finiscono in un buon ristorante. «Annibale vinse a Canne, poi ci restò in mezzo negli ozi di Capua…», commenta Alberto alla fine del lunghissimo pranzo annaffiato di birre.

Una fila di tir fermi ristora i ciclisti con la propria ombra, lungo la strada che porta alla frontiera di Udvak. Le rassicuranti stelline dorate che hanno unito monete e confini d’Europa lasciano posto allo spezzatino di valute e dogane detto Balkan. Il cielo azzurro è tempestato di nuvole e i camionisti incoraggiano il terzetto. L’accordo col gruppo di testa della corsa è incontrarsi a Osijek, ma dopo il primo gran premio della montagna del viaggio la sosta viene spontanea. Il minuscolo paese si chiama Dubosˇevica e accoglie i viaggiatori con il suo cimitero fitto di lapidi color grigio scuro. Quasi tutte portano stampata in nero lucido la foto del defunto, e alcune sono tombe di famiglia preparate in anticipo: accanto all’immagine del congiunto già sepolto, hanno il nome e la data di nascita di chi è ancora vivo. Al momento dell’irreparabile, non resterà che aggiungere le ultime due cifre dell’anno di morte. La piazzetta centrale del paese è dedicata alla Gioventù croata, un ragazzino sorridente si dondola sull’altalena col campanile sullo sfondo e un busto bronzeo di Karol Wojtyla con tanto di bandiera vaticana dà il benvenuto. Alain si concede una pennichella sotto un albero promettendo di farsi vivo la sera.

La valuta è cambiata, non ci sono i soldi giusti per comprarsi una bibita fresca, ma dopo pochi chilometri ha inizio lo spettacolo gratuito del parco nazionale Kopacki, un paradiso terrestre su un ramo cadetto del grande fiume. Ai lati della ciclabile pascolano pecore e cavalli, tornano le cicogne e attraversa qualche cucciolo di cinghiale. Gli alberi si specchiano negli argini alluvionati. Acqua verde e cirri bianchi si tingono di rosa e le ombre si allungano. In giro solo qualche contadino sul trattore. È già quasi buio quando il parco proietta la sua ultima attrazione: la tragicommedia dei batraci suicidi. Un cartello avverte ‘Attraversamento rane’, migliaia di sagome dei poveri anfibi di ogni età e dimensione sono stampate sull’asfalto, molti altri cadranno al passaggio delle sei ruote. «Io ho una bellissima pedalata» ripetono i ciclisti come un mantra cercando di fare scorrere l’asfalto fino a Osijek e dimenticare la strage appena compiuta.

Alla città, prima turca poi austroungarica, che si fregia pure del nome italiano di Ossero, si arriva trafelati, coi fanali accesi. Le strade dal pavé bianco sono illuminate da lampioni flebilissimi, timidi cerchi di luce arancione che aumentano il fascino decadente ma pulito delle facciate e delle piazze rettangolari. Dopo pochissimo ecco anche Alain. A cena scorre crno vino, denso e tannico, e Alberto rimpiange “una bella boccia di Grasparossa”.

Continua nei prossimi giorni, fino a Belgrado. La versione completa è già on line su Galatea.

Annunci

4 pensieri su “Danubio, diari della bicicletta. Tappa due: Baja-Osijek. Cicogne e batraci

  1. Pingback: Danubio, diari della bicicletta. Tappa tre: Osijek-Vukovar. La torre | gnomade

  2. Pingback: Danubio, diari della bicicletta. Tappa quattro: Vukovar – Novi Sad. I ponti | gnomade

  3. Pingback: Danubio, diari della bicicletta. Tappa cinque: Novi Sad – Stari Banovci. L’acqua | gnomade

  4. Pingback: Danubio, diari della bicicletta. Ultima tappa: Stari Banovci – Belgrado. La confluenza. | gnomade

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...